SULLE STRADE CHE PORTANO ALLE ORIGINI DELL’UOMO – Turchia in moto

Turchia in moto
TURCHIA IN MOTO: SULLE STRADE CHE PORTANO ALLE ORIGINI DELL’UOMO

Turchia in moto: Era una calda estate del 1994 quando un pastore curdo era intento a far pascolare il suo gregge sulle colline attorno a Sanliurfa. Al riparo dell’unico albero presente sulla collina della pianura di Harran, osservava gli animali pascolare, guardava l’orizzonte di fronte a se e ogni tanto si addormentava dopo un veloce spuntino che si era portato per affrontare la lunga giornata. Si sa, che quando si ha Tempo e ampi spazi di fronte a se, è più facile fantasticare con la mente e lasciar scorrere pensieri tra passato e futuro. Quel pastore solitario era solito portare il suo gregge su quelle colline e conosceva ogni pietra, ogni acro di quella terra, ma mai pensava di essere seduto su qualcosa che avrebbe riscritto la Storia come noi l’abbiamo finora studiata.

Fù proprio quell’ammasso roccioso che spuntava a pochi metri, che destò in lui curiosità. Non era una pietra normale, pareva quasi modellata, scolpita, creata. Si mise con le mani a far spazio attorno a quella pietra piatta e oblunga che pareva non finir mai, come nascosta in quel terreno arido a conservare un segreto unico. E così fù, era la parte superiore di un possente megalite color ocra a forma di T.

Il giornalista Sean Thomas (alias “Tom Knox”) scrive “aveva compiuto la più grande scoperta archeologica degli ultimi 50 anni. Per alcuni, la più grande scoperta archeologica di sempre: un sito che ha rivoluzionato il nostro modo di guardare la Storia umana, l’origine della religione e, forse, anche la verità sul giardino dell’Eden”.

Gobekli Tepe:

Dal 1995 iniziarono a scavare e trovarono insediamenti religiosi, bassorilievi e iscrizioni che rappresentavano una civiltà legata ad un culto di tipo sciamanico e all’attività sociale di caccia e agricoltura, con la presenza di animali, quindi anche le prime attività di allevamento.

Finora civiltà stanziali così si erano attribuite solo ai siti di Stonehenge (circa 2000 anni a.c.) e quelli di Malta (circa 3500 anni a.c.). Gobekli Tepe è il nome di questo sito che dista appena 18km da Sanliurfa e, in turco significa “montagna dell’ombelico” e risale a ben 9000/10000 anni a.c.

Gobekli Tepe è diventato solo nel 2018 Patrimonio dell’UNESCO, ma credetemi che c’è ancora molto da scavare e molto ne sentiremo parlare.

Il Bosforo:

Se alcuni di voi ancora non l’avessero capito, sto parlando di una terra tra il continente dell’Europa Orientale e dell’Asia Occidentale, passaggio che potrete percorrere con le vostre moto attraversando il Bosforo sul “15 temmuz şehitler köprüsü” (ossia il “ponte delle Vittime del 15 Luglio”) percorrendo il tratto della O4/O1 che è l’arrivo ad Istanbul, arrivo di una delle ultime tappe di un affascinante viaggio in Turchia. Quando si arriva ad Istanbul si ha nel cuore e negli occhi già l’idea di cos’è la Turchia, di che popolo si è attraversato le cui radici culturali affondano nell’Antica Grecia, nella Persia e negli Imperi Romano, Bizantino, Ottomano e culla della prima civiltà Ittita.

Adoro quel sito ad Ḫattuša, dove si può visitare e girare all’interno della prima capitale Ittita addirittura con le moto, per poi fermarsi a pranzo dall’amico Denis nel suo ristorante/hotel proprio in prossimità del sito.

Istanbul:

Quando si arriva ad Istanbul si è pronti ad affrontare quella metropoli cosmopolita, sapendo che quella non è l’Anima della Turchia. Stupenda Istanbul, non mi fraintendete, nella zona di Sultanahmet dove si trovano le moschee famosissime da visitare che luccicano con le loro torri e i megafoni che recitano le preghiere, gli hammam dove andare a rilassarsi, il frastuono del Gran Bazar dove dopo aver percorso in lungo e in largo i suoi vicoli è inevitabile non fermarsi a sorseggiare l’ennesimo “cay” (the turco) della giornata, o passeggiare lungo il Galata Bridge invaso di pescatori con tappa obbligatoria al mercato del pesce, per assaggiare qualche frittura prima di perdersi nella più moderna e affollatissima Piazza Taksim, magari trasportati dal nostalgico tram del 900 della linea Taksim-Tunel, che si fa spazio tra la gente.

Ad Istanbul affascinante la cena sul tetto dell’hotel, sapientemente scelto in zona Sultanahmet, circondati dalle luci della maestosa moschea di Santa Sophia da un lato e dall’altro il lento scorrere delle imbarcazioni sul Bosforo; sopra di noi un cielo stellato, che grazie al compagno di viaggio Giuseppe, uomo dalle mille sorprese e molteplici esperienze di vita, ci ha fatto vedere il passaggio della ISS (International Space Station con a bordo il nostro connazionale Parmitano), che proprio in quel momento stava transitando sopra le nostre teste.

Nemrut Dagi:

Ecco io non vorrei parlarvi di Istanbul, o della Cappadoccia o di Pamukkale, che si sono luoghi unici che potrete visitare con i giusti tempi, come sempre ben organizzati dalle tappe del roadbook di 77roads bensì, vorrei potervi trasmettere la sensazione della camminata in cima a 2150 mt di Nemrut Dagi. Il rilievo più alto della Mesopotamia settentrionale, Nemrut Dagi, dove si erge la tomba santuario di re Antioco I e dove con i miei compagni di viaggio ho assistito al tramonto in mezzo a sculture di teste di falco, di leoni, sculture di Apollo, Zeus e altre ancora;

Vorrei farvi vedere:

Vorrei trasmettersi il sorriso delle persone incontrate in piccoli villaggi dove abbiamo mangiato ottimi piatti facendoci capire a gesti, dove spesso bambini e adulti guardavano le nostre moto come “alieni” (inevitabile invitarli a farsi fare una foto in sella); farvi vedere quelle strade che sembravano finire dritte nell’orizzonte tra campi di papaveri e quelle altre tutte curve tra i rilievi dell’altopiano Anatolico;

Vorrei che vedeste almeno una volta lo spettacolo dei Dervishi nella grotta a Goreme dopo averne studiato le loro origini al Mausoleo di Mevlana a Konya; raccontarvi l’affascinante storia dei caravanserraglio, luoghi di sosta per le carovane che transitavano lungo le vie del commercio e davano rifugio a persone e animali con il loro carico, dato che di notte i predoni erano pronti a saccheggiarli; portarvi in cima con la funivia sul sito di Pergamo; vorrei farvi parcheggiare le moto sulla collina di Ihlara Valley e camminare sui sentieri set della saga di Star War; trasmettervi lo sguardo ospitale di Awat, il signore curdo che gestiva un piccolo locale sulla strada D875 dopo Malatya (strada peraltro meravigliosa!) dove ci siamo fermati per prendere un “cay” come seconda colazione e ci ha offerto un piatto di capretto e fatto sentire come a casa.

A proposito il nome Awat in lingua curda significa “speranza” e vorrei davvero sperare che le scelte politiche e sociali di Erdogan cambino, in quanto negli ultimi dieci anni ho visitato 6 volte quei territori e questa repressione attuale non fa certo bene al Paese e al popolo turco. Il viaggiatore pertanto è sempre accolto con quel senso di amicizia e fratellanza, ed è proprio nei piccoli paesi e nei luoghi più remoti che si percepisce maggiormente questo sentimento.

Il sito di çatalhöyük:

Ricordo con un sorriso la sosta con Ivano nel paesino di Alemdar vicino al sito di çatalhöyük; pareva fossimo andati al bar sotto casa dove si fa la colazione tutti i giorni, la sensazione è quella di accoglienza e curiosità. Il sito di Catal, “forcella” e höyük, “collina”, è un importante centro abitato di epoca Neolitica dell’Anatolia vicino a Konya; il villaggio era costruito secondo una logica completamente diversa da quella moderna: le case erano monocellulari e addossate l’una all’altra. Essendo poi di altezze diverse, ci si spostava passando da un tetto ad un altro e per molte case l’ingresso era costituito da un buco sul soffitto, ebbene si, non usavano le porte! Questo sito l’ho scoperto grazie al curioso viaggiatore Ivano col quale durante la tappa Konya – Goreme, io e lui abbiamo fatto la deviazione sul roadbook per andare a visitarlo.

La passione del viaggiare in moto:

E’ proprio vero che la Passione per la moto unisce, ma in questo viaggio il gruppo ha trovato davvero una bella sintonia e i tanti chilometri percorsi sono stati accompagnati da piacevoli momenti di condivisione. Ognuno ha contribuito al viaggio, il mitico ed esperto Tour Leader Massimo (in questo viaggio “furgonauta”) ha dato le linee guida e noi abbiamo saputo coglierne gli aspetti che più ci stimolavano. Io ho avuto la fortuna di seguire il viaggio in Turchia in moto con la mia Leila e, quindi di esserne ancor più parte integrante.

Un viaggio che già conoscevo ma che come ogni viaggio in moto ti permette di “perderti con l’Anima” , apprezzare ancor di più le potenzialità della propria “poderosa” a due ruote, confrontarti con realtà che spesso ti vengono preconfezionate da un mezzo subdolo qual’è la televisione e, per l’appunto mi viene in mente la citazione di Pablo Picasso “Non giudicare sbagliato ciò che non conosci, prendi l’occasione per comprendere”. Viaggiare in moto credo sia questo e molto di più, oltre ad essere davvero una delle cose più belle e, farlo in compagnia e con un mezzo di supporto rende tutto più facile e piacevole.

La Turchia è un viaggio affascinante ed entusiasmante per la diversità di paesaggi e culture che di giorno in giorno si attraversano e cambiano come scene di una rappresentazione teatrale, con lentezza e fluidità, da assaporare con un “filo di gas” per godere appieno di ogni particolare.

L’ultima tappa – Grecia:

Sulla via del ritorno, nell’ultima tappa del nostro viaggio quando si attraversa una parte di Grecia, c’è ancora l’occasione per sedersi a cavalcioni di un dirupo e farsi trasportare dalla Storia che trapela dai famosi monasteri di Meteora (in lingua greca: Μετέωρα, letteralmente “in mezzo all’aria” dal greco “META'” “in mezzo a” e “AER” aria, “sospeso in aria”, un po’ come piace essere a noi sognatori!). Meteora è un luogo che adoro, tanto che ogni volta che vado ho fatto mio un “inspiration point”, dove trascorro solitamente un buon quarto d’ora a metabolizzare i miei “MacroPensieri”.

In Turchia in moto i chilometri son tanti, ma nonostante ciò non si ha quasi mai la sensazione di non arrivare per tempo, anzi spesso è il contrario, spesso si cerca qualche deviazione sul roadbook per personalizzarsi il viaggio, per carpire qualche dettaglio in più, per quella voglia di scoprire e poi è inutile dirselo, il percorso migliore tra due punti in moto non è quello più veloce e/o più dritto … bensì quello più lungo e con le strade più nascoste. Turchia in moto!

Pura Vida … e buona strada!
Roberto

VIDEO

Viaggio in Turchia in moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Viaggi in Moto:
Turchia

Turchia in moto: Alle origini dell'uomo

Programma e descrizione del viaggio
Turchia in moto - Alle origini dell'uomo

Turchia in moto: Esaltante viaggio attraverso le conosciute e soprattutto sconosciute bellezze del paese. Toccheremo e ci faremo affascinare da una decina di siti patrimonio dell’Unesco tra cui i resti dell’era classica di Troia, Efeso ed Aphrodisia, dalla bianca collina di calcare di Pamukkale, dai pinnacoli della Cappadocia e dalla strada che costeggia laghi interni vasti come mari fino ad arrivare alla collina di Göbekli Tepe, il più antico tempio della storia, imperioso e affascinante con i suoi dodicimila anni di età. Percorrendo circa 18 km a nordest giungeremo nella città di Sanliurfa, il punto più orientale del nostro tour da dove inizierà il percorso di rientro.

Dai duemila metri della sommità del monte Nemrut godremo di un panorama mozzafiato che si infiammerà al tramonto, uno spettacolo unico. Un rapido passaggio per la città che ha visto il primo parlamento della Turchia moderna, la visita dell’antica capitale Ittita, Hattusas, e poi verso nord, non distanti dal Mar Nero per scoprire la città ottomana, perfettamente conservata e restaurata di Safranbolu. Qualche centinaio di chilometri direzione ovest e ci emozioneremo alla vista dei ponti che attraversano il Bosforo, per tornare in Europa. Istanbul è trafficata, caotica, bellissima, ci perderemo nel gran bazar, compreremo spezie, tessuti ed ogni tipo di manufatto, mangeremo kebab cotto a legna e pesce arrosto, un’esperienza indimenticabile. Una volta rientrati in Grecia prima di imbarcarci per Ancona non ci faremo mancare una sempre piacevole visita alle Meteore.

Programma di viaggio

  • 1° GIORNO: Ancona, incontro con l’organizzazione ed imbarco
  • 2° GIORNO: Igoumenitsa - Alessandropoli (620 km)
  • 3° GIORNO: Alessandropoli - Stretto dei Dardanelli - Canakkale (190 km)
  • 4° GIORNO: Canakkale - Efeso - Kusadasi (400 km)
  • 5° GIORNO: Kusadasi - Aphrodisia - Pamukkale (260 km)
  • 6° GIORNO: Pamikkale - Konya (480 km)
  • 7° GIORNO: Konya - Goreme (Cappadocia) (235 km)
  • 8° GIORNO: Goreme – intera giornata da dedicare alla visita
  • 9° GIORNO: Goreme - Sanliurfa (560 km)
  • 10° GIORNO: Sanliurfa, Göbekli Tepe – Nemrut Dagi (180 km)
  • 11° GIORNO: Nemrut Dagi – Sivas (410 km)
  • 12° GIORNO: Sivas – Hattusas – Safranbolu (550 km)
  • 13° GIORNO: Safranbolu - Istanbul (400 km)
  • 14° GIORNO: Istanbul, intera giornata da dedicare alla visita
  • 15° GIORNO: Istanbul - Kavala (450 km)
  • 16° GIORNO: Kavala – Meteora – Igoumenitsa, imbarco (475 km)
  • 17° GIORNO: Ancona

Quote

  • Conducente in camera doppia: 2250 EUR
  • Passeggero in camera doppia: 2050 EUR
  • Supplemento camera singola: 490 EUR

Sconti

  • Per iscrizioni entro 75 giorni dalla partenza 100 € a persona
  • Per chi ha già viaggiato con noi 150 € a persona

La quota include

  • 14 notti in ottimi alberghi 4**** o i migliori reperibili in loco in doppia;
  • 14 colazioni;
  • 12 cene;
  • Accompagnatore italiano su mezzo di supporto;
  • Traghetto A/R in cabina doppia + moto
  • VISITA GUIDATA con guida parlante italiano e ingressi ai siti a Istanbul
  • VISITA GUIDATA con guida parlante italiano a Goreme
  • Road book cartaceo;
  • Tracce del percorso per navigatore;
  • Assicurazione medico-sanitaria;
  • Gadget 77Roads.

La quota non include

  • Escursioni facoltative non menzionate in programma;
  • Assicurazione facoltativa annullamento viaggio (6,5% della quota)
  • Carburante e pedaggi autostradali;
  • Ingressi ai siti non menzionati in programma
  • Prenotabile VOLO in MONGOLFIERA (150 EURO circa)
  • I pasti, le bevande, le mance, gli extra di carattere personale;
  • Tutto quanto non menzionato nella “quota include”;

La mappa del viaggio "Turchia in moto"

Dettagli del viaggio

  • Livello: medio
  • Modo di viaggio: no convoglio
  • Tipo di moto: proprio
  • Fondo: 100% asfalto
  • Durata: 17 giorni / 16 notti
  • Lunghezza: 5200 km circa
  • Numero minimo partecipanti: 8

Le date previste

  • 15-31/05/2020: ISCRIZIONI APERTE
  • 05-21/06/2020: ISCRIZIONI APERTE
  • 10-26/07/2020: ISCRIZIONI APERTE
  • 07-23/08/2020: ISCRIZIONI APERTE - IN VIA DI CONFERMA!

Galleria fotografica e Video "Turchia in moto"

Potrebbe interessarti anche...

Grecia
Israele